Meringhe con essiccatore

Gli albumi sono la parte delle uova che più comunemente avanza dalle ricette, soprattutto quando si parla di dolci: se ad esempio prepariamo una pasta frolla o una crema pasticcera ci ritroveremo inevitabilmente con qualche albume da utilizzare. E qual è la prima cosa a cui si pensa quando si parla di albumi avanzati da riciclare? Ma le meringhe ovviamente!

Meringhe con essiccatore

Preparare le meringhe permette di utilizzare un buon numero di albumi e allo stesso tempo consente di realizzare un dolce che ha una lunga durata se ben conservato: una volta pronta e completamente asciutta, la meringa può infatti essere conservata in un barattolo di vetro a chiusura ermetica anche per qualche mese, a patto di non lasciarla esposta alla luce e, soprattutto, all’umidità.

Facciamo intanto una premessa: con questa ricetta prepareremo le meringhe francesi, ossia quelle meringhe completamente cotte e leggere che vengono utilizzate come decorazioni o che trovate in vendita spesso con il nome di spumoni. Per preparare la meringa francese in casa è sufficiente montare molto bene gli albumi con lo zucchero e poi lasciare cuocere le meringhe a bassa temperatura (solitamente entro i 100°C) per qualche ora, i tempi dipendono dalle dimensioni.

Per dare un tocco in più alle mie meringhe ho provato a colorarne alcune di rosa, senza usare alcun colorante artificiale: per farlo ho infatti usato delle fragole che avevo essiccato quando ho preparato il muesli e che ho successivamente frullato fino a ottenere una polvere fine, molto profumata e deliziosa.

Io ho preparato le meringhe utilizzando l’essiccatore, ma sappiate che la stessa ricetta può essere eseguita usando il forno, l’importante è tenere la temperatura intorno ai 100°C e lasciare cuocere finché le meringhe non risulteranno completamente asciutte.

Stagionalità

Potete preparare le meringhe tutto l’anno, ogni volta che avrete albumi da riciclare, soprattutto se avete un essiccatore che anche d’estate non crea particolare disturbo (accendere il forno ad agosto potrebbe non essere la decisione più felice…).

Meringhe con essiccatore: ricetta

Ingredienti

100 g di albumi
200 g di zucchero semolato
1 cucchiaio di succo di limone
10 g di fragole essiccate in polvere (facoltative, servono solo se volete farne metà rosa al gusto di fragola)

In una ciotola o nella planetaria unite gli albumi con metà zucchero e il succo di limone e cominciate a montare. Fate montare il composto per 4-5 minuti poi aggiungete l’altra metà dello zucchero e continuate a montare fino a ottenere un composto spumoso, lucido e sodo.

Se volete colorare metà composto di rosa, dividete la meringa a metà e aggiungete in una parte le fragole essiccate ridotte a polvere, mescolando ancora con la planetaria o le fruste per qualche secondo fino a distribuire il colore uniformemente.

Trasferite il composto in un sac-à-poche. Foderate i cestelli dell’essiccatore o la placca del forno con della carta forno e formate delle meringhe della dimensione desiderata, ma tutte il più possibile uguali (più saranno piccole, meno tempo servirà per cuocerle).

Azionate l’essiccatore a 65°C e fate cuocere le meringhe fino a completa asciugatura. In alternativa mettetele in forno a 100°C. Io ho realizzato delle piccole meringhe (circa un centimetro e mezzo di diametro) e sono servite indicativamente 6 ore di essiccatore per terminare la cottura.

Suggerimenti

Potete sostituire metà dello zucchero con zucchero a velo: in questo caso usate quello semolato all’inizio e aggiungete quello a velo a metà del processo.

Il succo di limone aiuta gli albumi a montare e rende la meringa bella lucida. Non aggiungete invece il sale che tende a smontare il composto (contrariamente a quello che si pensa).

Per riciclare gli albumi in una ricetta salata, provate la nostra frittata bianca con piselli, zucchine e scamorza!

image_printStampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.