Gazpacho di datterini con crudité di verdure


Condividi su:
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Quando fa caldo è davvero importante riuscire a trovare idee fresche per un antipasto estivo. Se poi, come in questo caso, non serve neanche accendere i fornelli direi che la vittoria è assicurata!

Gazpacho di datterini e crudité di verdure

Avete mai pensato di aprire un pranzo con un mini gazpacho freddo servito come se fosse un finto pinzimonio? Si tratta di un’idea semplice, ma davvero molto carina e sfiziosa.

Per preparare il gazpacho di datterini con verdure croccanti servono solo pomodori datterini (che sono belli dolci!), un po’ di cipolla rossa di Tropea, del sedano e poi le verdure che più gradite, io ho scelto carote, peperoni e sedano. Se volete, potete anche aggiungere qualche aroma come basilico fresco o origano.

Stagionalità

Il gazpacho di datterini è una ricetta prettamente estiva e può essere preparato tra giugno e settembre quando i pomodori e le altre verdure sono nel pieno della loro stagionalità e sono ricche di gusto!

Gazpacho di datterini con crudité di verdure: ricetta

Ingredienti (per 4 persone)

Per il gazpacho:
140 g di datterini maturi
40 g di cipolla di Tropea
40 g di sedano bianco
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
sale, pepe e origano a piacere

Per accompagnare:
1 piccolo peperone rosso
1 piccolo peperone giallo
4 coste di sedano
2 o 3 carote

Lavate e asciugate tutte le verdure. Mettete i datterini in un mixer insieme alla cipolla e al sedano. Aggiungete l’olio e frullate fino a ottenere un gazpacho liscio e omogeneo. Regolate di sale, pepe e origano e mettete in frigorifero.

Tagliate tutte le verdure a bastoncini non troppo piccoli e tenete in frigorifero fino al momento di servire.

Dividete il gazpacho di datterini in quattro piccole ciotoline monoporzione accompagnandolo con la crudité di verdure.

Suggerimenti

Se volete un gusto ancora più deciso, potete aggiungere anche poco aglio al gazpacho.

Il gazpacho deve essere servito molto freddo quindi tenetelo in frigorifero fino al momento di portarlo in tavola.

La cipolla di Tropea ha un gusto più dolce e leggermente piccantino quindi vi consiglio di utilizzare questa varietà se ne avete la possibilità. E se ve ne avanzano potete provare a preparare la nostra crema di cipolle di Tropea.


Condividi su:
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.