Porri: informazioni, curiosità e ricette

Appartenenti alla stessa famiglia delle cipolle, dell’aglio e dei tulipani, quella delle liliacee, i porri hanno un sapore dolce e mite; se ne consuma principalmente la parte bianca, costituita da foglie che crescono interrate e tanto più lo stelo è sottile tanto più dolce e delicato sarà il suo sapore. La parte terminale delle foglie, verdi e coriacee, viene generalmente scartata in cucina, anche se possono essere utilizzate per insaporire zuppe e fondi.

porri

Il porro è conosciuto dai tempi di Egizi e Romani; ad oggi la Francia è uno dei maggiori produttori ed è simbolo del Galles (insieme al narciso). In Italia ne esistono diverse varietà, fra cui il porro gigante, il mostruoso di Carentan, il lungo della riviera e il porro di Cervere, particolarmente tenero, dolce e digeribile per le particolari caratteristiche del terreno in cui viene coltivato.

Stagionalità dei porri

Il porro si trova in commercio ormai tutto l’anno, ma si raccoglie prevalentemente da novembre a febbraio

Come utilizzare i porri in cucina

La scelta in fase di acquisto deve ricadere su ortaggi freschi, senza macchie o ammaccature, né foglie secche o ingiallite. Il fusto bianco deve essere sodo, ben dritto e le radici devono essere presenti come indice di freschezza del prodotto.

Tagliati a rondelle, julienne o brunoise sono ottimi consumati a crudo in pinzimonio o insalate e, cotti, si accompagnano egregiamente ad alimenti dal sapore deciso e forte, come formaggi e salumi. Si abbinano anche a limone, basilico, senape, salvia e timo.

Come pulire i porri

Pulire i porri è in realtà estremamente semplice: si eliminano le estremità verdi, si taglia il fondo eliminando l’apparato radicale. Si affettano e si lavano quindi molto bene, per eliminare impurità e residui terrosi, sciacquandoli sotto l’acqua corrente.

Ricette con porri

Scoprite con noi lungo tutto il mese di gennaio come utilizzare al meglio questi ortaggi in cucina! Ecco le ricette con i porri che abbiamo preparato per voi:

image_printStampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.