Polpettone di carne e prosciutto crudo

Il polpettone di carne è forse il più tipico secondo piatto casalingo che riusciamo a immaginare. Io sono un amante del polpettone perché è una ricetta facilmente personalizzabile e permette anche di abbattere gli sprechi in cucina, utilizzando ad esempio avanzi di verdure già cotte, fondi di salumi o formaggi e pane raffermo da riciclare. Oggi vi propongo un polpettone di carne al prosciutto crudo, molto saporito e gustoso: per questa preparazione va benissimo utilizzare il fondo del crudo, quello che solitamente dal macellaio viene venduto a prezzo scontato perché meno interessante da affettare, ma che risulta perfetto per preparare questo tipo di ricette.

Polpettone di carne con prosciutto crudo

Per preparare il polpettone di carne dovrete avere in casa macinato di maiale e vitello, prosciutto crudo, uova e parmigiano. A questi ingredienti vanno aggiunti del pane raffermo e un po’ di latte che aiuteranno a dare consistenza e umidità all’impasto. Io non uso quasi mai il pane grattugiato per preparare il polpettone per evitare che in cottura asciughi eccessivamente. Una volta che avrete dato forma al vostro polpettone dovrete solamente cuocerlo in una casseruola insieme a verdure e brodo vegetale: il risultato finale sarà un polpettone di carne morbido e umido al punto giusto, saporito e davvero molto gustoso.

Se vi avanza potete congelarlo già affettato per averlo a disposizione in un secondo momento, ad esempio come pranzo per il lavoro!

Stagionalità

Il polpettone di carne e prosciutto crudo non ha ingredienti stagionali quindi potete prepararlo tranquillamente tutto l’anno.

Polpettone di carne e prosciutto crudo: ricetta

Ingredienti (per 6 persone)

500 g di macinato di maiale
200 g di macinato di manzo
200 g di prosciutto crudo
2 uova medie
50 ml di latte (circa)
80 g di pane raffermo
50 g di parmigiano grattugiato
1 cipolla
2 carote
2 spicchi di aglio
150 ml di vino bianco
salvia, rosmarino e chiodi di garofano
brodo vegetale q.b.
olio extravergine di oliva q.b.
sale q.b.

In una ciotola capiente mettete il pane raffermo spezzettato insieme al latte e lasciatelo ammorbidire per qualche minuto (a seconda di quanto il pane è raffermo potrebbe servire più o meno latte). Sbriciolatelo con le mani e unite i due macinati di carne. Aggiungete anche il prosciutto crudo tritato in un mixer, le uova e il parmigiano. Regolate di sale e aggiungete due foglie di salvia, e qualche ago di rosmarino.

Impastate bene fino a ottenere un composto compatto, omogeneo e lavorabile, senza che sia eccessivamente asciutto. Se necessario potete aggiungere poco pane grattugiato. Date la forma di un polpettone e avvolgetelo in un foglio di carta forno sigillandolo bene come se fosse una caramella. Fate riposare in frigorifero per una mezz’oretta.

Nel frattempo lavate le verdure, tagliate le carote e le cipolle a pezzetti non troppo piccoli e tritate gli spicchi di aglio. Mettete il tutto in una casseruola insieme a un generoso giro di olio e fate soffriggere per qualche minuto. Unite quindi il polpettone, due chiodi di garofano, un rametto di rosmarino e una foglia di salvia. Fate rosolare il polpettone qualche minuto su tutti i lati girandolo con delicatezza.

Sfumate con il vino bianco e lasciate evaporare per qualche minuto. Aggiungete quindi il brodo vegetale fino ad arrivare a metà del polpettone, coprite e abbassate la fiamma. Lasciate cuocere per 40-45 minuti girando il polpettone ogni tanto. Se vedete che asciuga troppo prima di terminare la cottura aggiungete altro brodo vegetale caldo.

Una volta pronto lasciate riposare qualche minuto prima di servire accompagnato dal suo fondo di cottura.

Suggerimenti

Usate una pentola di dimensione adatta: dovrà essere abbastanza grande da contenere comodamente il polpettone, ma non di dimensioni eccessive. L’ideale è una casseruola con un diametro di 5-6 centimetri più lungo del polpettone.

Se gradite potete aggiungere all’impasto avanzi di verdure (spinaci, cavolo nero, biete, scarola, …) a seconda della stagione e della disponibilità.

image_printStampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.