Biancomangiare al cioccolato


Condividi su:
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

A volte ci sono dolci che ti sorprendono: ho provato il biancomangiare al cioccolato e, devo ammetterlo, pur essendo un po’ scettica all’inizio, ne sono rimasta conquistata.

Il biancomangiare è, in origine, un dolce siciliano preparato con pasta di mandorle o pestando le mandorle in un mortaio e immergendo la granella, stretta in un panno, in acqua fino a ricavarne il latte. Il dolce prende il suo nome dall’aspetto completamente bianco del prodotto finito. In questo caso vi propongo una variante che prevede l’aggiunta di cioccolato fondente e cacao, per renderlo più goloso.

biancomangiare-stagioni-nel-piatto-ingredienti

Avrete capito che né io né Fabio siamo dei grandissimi fan del dolce “senza”, così tanto di moda in questo periodo: meglio poco ma fatto bene, insomma. Ma questo non vuol dire non essere curiosi o non aver voglia di sperimentare e provare cose nuove con ingredienti che non la fanno da padrone nelle nostre ricette. E così questo “budino” senza latte, senza uova, senza farina è entrato di prepotenza fra i dolci più indicati per questo periodo: fresco, leggero, da mangiare in un sol cucchiaio, adatto anche a chi ha intolleranze e cerca sempre dolci che possano andar bene col proprio regime alimentare.

C’è anche un altro aspetto che mi fa piacere moltissimo questo dolce: è semplicissimo da preparare. Bastano pochi minuti di cottura, un po’ di tempo in frigorifero ed è pronto! Avendone provate diverse versioni prima di trovare la ricetta giusta vi posso consigliare di usare, però, ingredienti di qualità: leggete in fondo nei suggerimenti per non sbagliare!

Stagionalità

Perfetto per le giornate calde, il biancomangiare al cioccolato prevede ingredienti disponibili tutto l’anno, per cui potrete gustarlo ogni volta che vorrete!

Biancomangiare al cioccolato: ricetta

Ingredienti (per 4 porzioni)

800 ml di latte di mandorle non zuccherato
100 gr di cioccolato fondente
50 gr di zucchero
40 gr di cacao amaro
25 gr di frumina (amido di frumento)
mandorle tostate per decorare

Spezzettate il cioccolato fondente e mettetelo in un pentolino insieme agli altri ingredienti (setacciando frumina e cacao in modo che non si formino grumi).

Scaldate a fuoco moderato e cuocete per circa cinque minuti dal bollore, mescolando.

Togliete dal fuoco e versate negli stampini o nei bicchieri da portata. Mettete in frigorifero a rassodare, coprendo la superficie con la pellicola trasparente.

Prima di servire, spargete sulla superficie le mandorle tostate tritate grossolanamente.

biancomangiare-cioccolato-stagioni-nel-piatto-3

Suggerimenti

Utilizzate latte di mandorle di qualità: la consistenza e il sapore cambiano nettamente se si utilizzano i “drink” alla mandorla, perché più diluiti.

La ricetta prevede un sapore poco dolce, adatto a esaltare il retrogusto amaro del cioccolato e del cacao e a far risaltare il sapore di mandorla: se preferite un gusto più dolce non dovrete fare altro che aumentare leggermente la quantità di zucchero indicata negli ingredienti.

 


Condividi su:
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.