Come conservare le erbe aromatiche

Le erbe aromatiche sono indispensabili in cucina: regalano profumo e gusto ai piatti, permettono di ridurre la quantità di sale utilizzato e possono anche diventare l’ingrediente principale di liquori e persino dolci. Con questa premessa diventa subito chiaro che la loro conservazione è fondamentale, sia che si tratti di pochi giorni sia che si abbia la necessità di conservarle più a lungo.

Come conservare le erbe aromatiche

Sebbene le erbe aromatiche possono essere comprate fresche in tutti i supermercati o negozi di alimentari, la cosa migliore sarebbe coltivarle da sé: non serve avere un orto per coltivare le erbe aromatiche, sono sufficienti un balcone o una piccola terrazza, qualche vaso e un po’ di cura. Coltivare le proprie erbe aromatiche in vaso permette di avere aromi freschi e pronti all’uso ogni volta che se ne ha bisogno. Alcune erbe, come basilico o prezzemolo, sono stagionali mentre altre, come il rosmarino, l’alloro o la salvia, sono perenni e resistono anche alle stagioni più fredde se riparate dal gelo.

In ogni caso è importante imparare a conservare correttamente le erbe aromatiche in modo da poter godere dei loro profumi e del loro aroma non solo quando sono di stagione, ma anche nei mesi in cui non sono disponibili fresche.  Vediamo quindi come conservare le erbe aromatiche al meglio.

Come conservare le erbe aromatiche per pochi giorni

Quando si acquistano le erbe aromatiche fresche, il modo migliore per conservarle è riporle in frigorifero, in questo modo gli aromi si conserveranno per qualche giorno. Le erbe a foglia, come il basilico, il prezzemolo, la menta o la maggiorana tendono ad appassire in fretta e, anche se conservate in frigorifero, è necessario consumarle entro pochissimi giorni. Erbe come salvia e rosmarino resistono qualche giorno di più, ma in ogni caso la conservazione in frigorifero è adatta solo per brevissimi periodi.

Quando acquistate basilico e prezzemolo fresco, se ne avete la possibilità scegliete quelli venduti a rami: in questo caso potete conservarli a temperatura ambiente in un vasetto con acqua fresca da cambiare ogni giorno, esattamente come fossero fiori, in questo modo si conserveranno per qualche giorno e saranno pronti all’uso.

Come conservare le erbe aromatiche a lungo: il congelatore

Se pensate di non riuscire a consumare le erbe aromatiche rapidamente potete congelarle. Prima di congelarle lavatele e fatele asciugare bene, riponetele quindi in sacchetti adatti al freezer o in piccoli contenitori e mettetele nel congelatore: in questo modo avrete il loro profumo a disposizione per qualche mese.

Le erbe aromatiche conservate nel freezer vanno utilizzate da congelate e non bisogna lasciarle scongelare poiché, come tutte le verdure, tenderebbero a perdere di consistenza. Le erbe congelate possono quindi essere aggiunte a minestre e brodi o possono essere utilizzate per insaporire ricette in cottura. Non sono molto adatte al consumo a crudo, ad esempio nelle insalate.

Come conservare le erbe aromatiche a lungo: l’essiccazione

Uno dei metodi più efficaci per conservare a lungo le erbe aromatiche è l’essiccazione. Una volta privati completamente dell’acqua, gli aromi si conservano per diversi mesi chiusi in barattolini di vetro a temperatura ambiente e al riparo dalla luce. Per essiccare le erbe aromatiche potete procedere in diversi modi.

Essiccare le erbe aromatiche all’aria

Questo è il modo più semplice ed è perfetto per gli aromi meno delicati, come alloro, rosmarino o origano. Per essiccare gli aromi all’aria, l’ideale e staccare i rami della pianta, lavarli e asciugarli delicatamente e poi legarli in mazzetti appendendoli a testa in giù, magari in un sacchetto di carta tipo quello del pane in modo da proteggerli dalla polvere. Se ne avete la possibilità, potete accelerare i tempi di essiccazione appendendo i mazzetti sopra un termosifone o una stufa.

Essiccare le erbe aromatiche in forno

Il forno è il metodo più veloce per essiccare le erbe aromatiche, ma occorre prestare molta attenzione per evitare che brucino. Per essiccare le erbe aromatiche in forno è importante tenere la temperatura più bassa possibile – 50 o 60°C sono l’ideale – e disporre gli aromi precedentemente lavati e asciugati in modo che si sovrappongano il meno possibile.

Il tempo di essiccazione in forno dipende dall’erba aromatica che si sta essiccando e dalla temperatura, ma solitamente è necessaria qualche ora. Le erbe saranno pronte non appena si sbricioleranno tra le mani. Una volta che saranno completamente secche, fatele raffreddare e riponetele in un contenitore di vetro ben chiuso.

Essiccare le erbe aromatiche con l’essiccatore

L’essiccatore domestico è un’alternativa al forno: se avete uno di questi elettrodomestici, dovrete solo lavare e asciugare le erbe, disporle nei cestelli dell’essiccatore e azionare la ventola. L’essiccatore è solitamente impostato per lavorare a bassa temperatura in modo da essiccare senza alterare gli alimenti: la bassa temperatura fa sì che il processo di essiccazione sia più lungo rispetto al forno, ma il risultato è migliore. Per una completa essiccazione delle erbe aromatiche in essiccatore possono essere necessarie dalle 12 ore fino a oltre 24, a seconda dell’erba aromatica che si sta essiccando.

Come conservare le erbe aromatiche: salse e sali aromatizzati

Un altro modo per conservare le erbe aromatiche a lungo è trasformarle in condimenti come salse e sali aromatizzati. Il pesto di basilico o la salsa verde preparata con il prezzemolo permettono di utilizzare grandi quantità di aromi e possono essere congelate porzionate in modo da averle a disposizione per diversi mesi. Pesto e salsa verde possono essere congelati in barattolini o bicchierini di plastica o è possibile conservarli in freezer negli stampi per il ghiaccio, così da avere piccoli dadi casalinghi ottimi per insaporire le pietanze in cottura.

Un’altra possibilità è preparare sali aromatizzati: in questo caso sarà sufficiente mescolare sale fino o grosso con quantità a scelta di erbe aromatiche essiccate e tritate. I sali aromatizzati si conservano in dispensa a temperatura ambiente e possono essere utilizzati per insaporire pesci, carni o primi piatti a seconda del mix di erbe che viene utilizzato per prepararli.

image_printStampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.