Panzerotti con cavolo nero e crescenza


Condividi su:
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

I panzerotti, una vera e propria golosità. Si possono farcire in tantissimi modi e cuocere al forno o fritti. Una ricetta per tutti i gusti insomma! I panzerotti con cavolo nero e crescenza che vi propongo oggi sono una variante vegetariana e di stagione, perfetta per un buffet, una serata informale tra amici o, come nel mio caso, un semplice pranzo casalingo un po’ diverso dal solito.

Ingredienti panzerotti con cavolo nero e crescenza

Ovviamente potete arricchire il ripieno come preferite, scegliendo un formaggio più saporito o aggiungendo dell’affettato come speck o pancetta, abbinamento che vi avevo già consigliato per le bruschette con cavolo nero (provare per credere!). Vi garantisco comunque che anche in questa versione leggera e vegetariana il gusto deciso del cavolo nero saprà sorprendervi.

Mani in pasta che si comincia!

Stagionalità

I panzerotti con cavolo nero e crescenza possono essere preparati per tutto il periodo di disponibilità di questo ortaggio, dall’estate alla fine dell’inverno.

Panzerotti con cavolo nero e crescenza: ricetta

Ingredienti (per 8 panzerotti)

Per l’impasto:
270 g di farina di grano tenero 00
230 g di farina Manitoba
300 ml di acqua tiepida
5 g di lievito madre essiccato (un cucchiaino circa)
20 ml di olio extravergine di oliva
10 g di sale

Per il ripieno:
300 g di cavolo nero
150 g di crescenza
mezza cipolla
olio, sale q.b.

Cominciate a preparare l’impasto mescolando le due farine e il lievito. Aggiungete l’olio e cominciate a impastare unendo un po’ di acqua tiepida. Unite anche il sale e continuate a impastare amalgamando bene gli ingredienti e aggiungendo piano piano l’acqua fino a che avrete un impasto liscio ed elastico. Impastate per almeno una decina di minuti, quindi formate una palla , ungetene la superficie con un filo di olio e mettetela a lievitare coperta da un telo in un posto ben protetto da correnti d’aria, l’ideale nel forno spento.

Lasciate lievitare per almeno 3-4 ore, ma potendo preparate l’impasto con largo anticipo (la sera prima o la mattina per la sera) e lasciatelo lievitare anche per 10-12 ore, sarà ancora meglio. Trascorso questo tempo dividete l’impasto in 8 parti di circa 100 g ciascuna, formate delle piccole palline e rimettete a lievitare per un’oretta.

Nel frattempo preparate il ripieno: tritate la cipolla e mettetela ad appassire in una padella con un filo d’olio. Lavate il cavolo nero e tagliatelo a listarelle, aggiungetele alla cipolla e cuocete per 15-20 minuti circa, aggiungendo poca acqua se necessario. Salate e lasciate intiepidire.

Stendete le palline di impasto con le mani a formare dei dischi di circa 15 cm di diametro, mettete nel centro un po’ di cavolo e dei pezzetti di crescenza avendo cura di lasciare un paio di cm dal bordo. Bagnate il bordo del disco con poca acqua e ripiegate a formare la classica forma dei panzerotti.

Spennellate la superficie dei panzerotti con una miscela di acqua e olio in parti uguali e fate cuocere in forno preriscaldato a 250° per circa 20 minuti, fino a che la superficie comincerà a colorarsi leggermente.

Gustateli belli caldi!

Panzerotti con cavolo nero e crescenza

Suggerimenti

Io ho usato del lievito madre essiccato, ma potete sostituirlo con un normale lievito in polvere per impasti salati o, se preferite, con del lievito di birra fresco.

Se ne avete la possibilità lasciate lievitare l’impasto per una decina di ore: io l’ho preparato la sera prima per il pranzo del giorno successivo ed era perfetto!

La quantità d’acqua da aggiungere alla farine è indicativa e dipende dall’assorbimento delle farine stesse che andrete a utilizzare: a volte ne avanzerà un pochino mentre altre volte potrebbe servirne un po’ di più.


Condividi su:
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

2 commenti

  1. Io li ho già assaggiati e devo dire che sono molto buoni ( a chi piace il cavolo) . Sono da gustare molto caldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.