Test Kitchen, il progetto “a km 0” di Hard Rock Cafe


Condividi su:
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Hard Rock Cafe Firenze Test Kitchen

Qualche giorno fa abbiamo ricevuto l’invito a partecipare a un evento organizzato da Hard Rock Cafe a Firenze per la conferenza stampa dedicata al  loro nuovo progetto Test Kitchen e degustazione del menù. Ovviamente abbiamo accettato con grandissimo piacere e il 20 di settembre siamo saltati sul Freccia Rossa alla volta di questa meravigliosa città toscana.

Test Kitchen, il menu a Km 0 di Hard Rock Cafe

L’idea che si nasconde dietro a Test Kitchen è in realtà molto semplice: mantenere inalterato il menù tipico di Hard Rock Cafe utilizzando però ingredienti locali e il più possibile stagionali. Ecco quindi che il locale di Firenze è stato scelto, insieme ad altri undici nel mondo, per fare da pilota in questo progetto che riteniamo davvero molto interessante perché utile a valorizzare la produzione locale delle materie prime utilizzate. Materie prime che, come abbiamo avuto modo di provare in prima persona, sono davvero di ottima qualità.

All’evento hanno partecipato giornalisti e blogger (tra cui la simpatica Elisabetta, del blog Condita Armonia, che abbiamo avuto il piacere di conoscere) oltre ai responsabili di Hard Rock Cafe e ai produttori locali che sono stati scelti come partner per questa iniziativa. Per citarne alcuni: Antica Macelleria Falorni, Storica Fattoria il Palagiaccio, Birrificio Fiorentino, MaremmAlta, La Mormoraia e Mukki.

Test Kitchen, la degustazione del menu a Km 0

Qui c’è una premessa da fare: al nostro tavolo dovevamo essere in cinque ma, a causa di un paio di disertori, ci siamo trovati in tre e abbiamo avuto il piacere di conoscere e pranzare insieme a Giuliana, blogger di Pranzo di Famiglia, che ha reso il pranzo ancora più piacevole.

Ora, se siete pronti a farvi venire l’acquolina in bocca, non dovete fare altro che seguirci mentre ripercorreremo tutto il menu che abbiamo assaggiato e che potete vedere nella foto qui sotto.

Menu Test Kitchen Hard Rock Cafe Firenze

La degustazione si è aperta con un assaggio della Capresina con mozzarella di bufala, preparata con mozzarella di bufala Toscana e pomodoro “Costoluto Fiorentino”, e una ciotolina di Grilled Chicken Arugula Salad, un’insalata di pollo grigliato che personalmente ho trovato davvero molto buona: l’accostamento con la rucola, leggermente piccante, il pompelmo, le noci pecan e il quartirolo era equilibrato e gustoso.

Subito dopo è arrivato in tavola un favoloso tagliere toscano e qui, reduce anche dalle vacanze appena terminate, mi sono quasi commosso: salame toscano, finocchiona e prosciutto crudo accompagnati da una selezione di formaggi locali. Ad arricchire ulteriormente il tagliere, alcune fette di focaccia, composte di frutta di stagione e miele. Una vera gioia per gli occhi e per il palato.

È stata quindi la volta del fritto e abbiamo assaggiato i Cauliflower Wings, spiedini di cavolfiori fritti, e i Tupelo Chicken Tenders, bastoncini di pollo anch’essi, ovviamente, fritti e accompagnati da una salsina molto piccante che, lo ammetto, non ho osato assaggiare, sufficientemente intimorito dal commento del ragazzo che ce li ha serviti: “attenti che questa brucia come il fuoco“. Lo ha fatto però Giuliana, che conferma.

La degustazione è continuata poi con la versione mini dei Flocal Burger, piccoli burger di manzo serviti con pane ai cereali, formaggio Galaverna del Mugello, Rigatino Toscano, misticanza di campo e cipolle rosse stufate al Chianti: apprezzatissimi!

Poco dopo ecco arrivare al tavolo le Hickory – Smoked Ribs, un piatto di costine che, a detta del ragazzo che ce le ha lasciate, “vanno mangiate con le mani perché si sciolgono in bocca“. E, ragazzi, aveva ragione! Posso dire che queste costine sono state il piatto più apprezzato del menù: tenerissime e davvero molto molto gustose.

Prima di chiudere la degustazione e passare ai dolci, abbiamo anche avuto modo di assaggiare un pezzetto di salmone che, nel menu classico, viene servito accompagnato da purè e agrumi: si tratta di un piatto presente nel menu Hard Rock Cafe e che, per ovvie ragioni, qui da noi non potrà essere a Km 0.

Tutto il pranzo è stato accompagnato da birre artigianali e vini anch’essi di produzione rigorosamente locale e dalle spiegazioni della Kitchen Manager che per ogni portata ha raccontato dettagli sulla preparazione e sulla scelta degli ingredienti.

Finito col salato è stato il momento dei dolci. Per primo è arrivato un tiramisù al bicchiere molto ben fatto, in modo particolare per la crema mascarpone che ci ha davvero conquistati. I tiramisù erano accompagnati da piccoli e simpatici cucchiaini di cioccolato, che hanno dato vita a un divertente siparietto: al primo boccone il mio si è spezzato, vittima della delicatezza che mi contraddistingue. Ne ho subito preso un altro che ha fatto la stessa fine. Poco dopo abbiamo salutato anche quello di Claudia e di Giuliana, ci siamo guardati in faccia rendendoci conto che più della metà dei nostri tiramisù era ancora nei bicchieri… Fortunatamente siamo stati salvati da una ragazza dello staff che, pochi minuti dopo, è passata per i tavoli a lasciare quelli in acciaio al grido di “emergenza cucchiaini!”. A quanto pare è stato un problema condiviso.

Il pranzo si è concluso con un assaggio di torta a scelta tra Hot Fudge Brownie e Homemade Apple Cobbler, cioccolato o mele, e per quanto mi riguarda la decisione è stata scontata: cioccolato!

I dolci sono stati accompagnati dal Local Legendary Cocktail Florentini a base di vodka a produzione locale. Nota di merito al cocktail servito in una splendida anfora di coccio che faceva davvero la sua scena.

Piatti Test Kitchen Hard Rock Cafe Firenze

Tutto l’evento è stato accompagnato da musica dal vivo, anche in questo caso a km 0, in perfetto stile Hard Rock Cafe. L’evento si è poi concluso con due piccole cerimonie: una donazione di 5.000 dollari che la società ha devoluto a favore dell’Associazione Dynamo Camp Onlus e la consegna della giacca utilizzata da Irene Grandi durante il Bruci la città Tour del 2007-2008, accompagnata da un video che la stessa artista fiorentina ha mandato per l’occasione: se andrete all’Hard Rock Cafe di Firenze potrete vederla esposta insieme agli altri cimeli.

Partecipare a questo evento è stato davvero piacevole, divertente e, soprattutto, gustoso: se vivete a Firenze o vi capita di passare e avete voglia di provare qualche piatto di questo menù, siamo molto curiosi di sapere cosa ne pensate!

Bancone con piatti e ingredienti test kitchen Hard Rock Cafe Firenze

Auto macelleria Falorni test kitchen Hard Rock Cafe Firenze


Condividi su:
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

One Comment

  1. Pingback: Firenze Hardrock is now this – Condìta Armonia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.