Tartufini di pandoro


Condividi su:
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Feste, pranzi e cene ormai sono quasi tutti passati, manca solo la giornata dell’epifania: oltre a qualche kg in più c’è qualcosa che resta sempre, perennemente nelle nostre cucine. I panettoni e i pandori. Sono lì, che ci guardano, e li mangiamo a colazione per giorni e giorni e giorni. Oppure cerchiamo dei modi alternativi per smaltirli: sono ottimi ingredienti “da riciclo”, soprattutto per i dolci.

Dopo avervi fatto venire l’acquolina in bocca con il dessert di panettone con crema all’arancia oggi vi proponiamo i tartufini di pandoro: facilissimi da preparare, veloci, senza cottura e molto molto gustosi. Insomma, un peccato non provare a farli!

Vi basteranno pochissimi ingredienti, di quelli che abitualmente troviamo nelle nostre cucine, poco tempo e tanta fantasia per decorarli. Un modo semplice e originale per ridurre gli sprechi e riciclare il pandoro avanzato, una ricetta che potete tranquillamente preparare con i vostri bambini!

Stagionalità

Data la presenza del pandoro, vi consiglio di preparare i tartufini nelle settimane successive alle feste

tartufini di pandoro

Tartufini di pandoro: ricetta

Ingredienti (per circa 20 tartufini)

100 gr di pandoro
80 gr di ricotta
2 cucchiai di miele

Per decorare:
cacao amaro in polvere
cioccolato fondente
granelli di zucchero colorato

Tritate grossolanamente in un mixer il pandoro.

Amalgamate la ricotta e il miele, fino a formare un composto omogeneo.

Unite la crema di ricotta al pandoro sminuzzato e ricavate dal composto delle piccole palline.

Passate i tartufini nel cacao in polvere oppure nel cioccolato fuso e successivamente nella granella di zucchero, aiutandovi con una forchetta.

Lasciate rassodare in frigorifero prima di servire.

Suggerimenti

Potete utilizzare diversi ingredienti per ricoprire i tartufini di pandoro: cioccolato bianco per la copertura, granella di nocciole, mandorle, cocco grattugiato… liberate la fantasia e gustatevi quest deliziosi dolcetti!


Condividi su:
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.