Risotto con asparagi, capesante e bottarga

Il risotto con asparagi è un grande classico della cucina primaverile: è leggero, salutare, gustoso. Aggiungendo le capesante e la bottarga andremo a preparare, con pochi semplici passaggi in più, un primo piatto davvero raffinato ed elegante.
Il sapore sulfureo degli asparagi ben si sposa con il dolce delle capesante e crea un ottimo contrasto con la sapidità della bottarga: ecco il motivo per cui questi due ingredienti esaltano il gusto dei nostri ortaggi di stagione.

Risotto con asparagi, capesante e bottarga

Stagionalità

Il risotto con asparagi, capesante e bottarga è di stagione da marzo a maggio o giugno quando troviamo gli asparagi freschi sui banchi del mercato.

Risotto con asparagi, capesante e bottarga: ricetta

Ingredienti (per 4 persone)

320 g di riso carnaroli
400 g di asparagi
8 capesante
1 cucchiaio di bottarga
olio extravergine di oliva, sale

Lessate gli asparagi, dopo averli puliti, nell’apposita pentola alta e stretta, coprendo di acqua leggermente salata i gambi e facendo cuocere le punte col solo calore del vapore. Scolate, fate raffreddare leggermente e tagliate i gambi a dadini, tenendo da parte le punte intatte. Conservate l’acqua di cottura.

In una padella fate rosolare le capesante, precedentemente pulite e tagliate a dadini, con un filo di olio extravergine di oliva per pochi minuti. Salate.

Nella pentola in cui farete cuocere il risotto fate saltare per 1 o 2 minuti i gambi di asparago a dadini con un filo di olio, aggiungete il riso e fate tostare per circa 3 minuti. Aggiungete poca acqua di cottura degli asparagi calda e proseguite la cottura per circa 15 minuti, aggiungendo, poco per volta, l’acqua di cottura degli asparagi. Utilizzate brodo vegetale in caso l’acqua stessa non sia in quantità sufficiente. A pochi minuti dal termine della cottura aggiungete le punte di asparagi.

Al termine aggiungete le capesante, amalgamate bene e impiattate; guarnite con una spolverata di bottarga e servite.

FAI SAPERE AI TUOI AMICI CHE TI PIACE!
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *