Brioches salate con radicchio, speck e scamorza


Condividi su:
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Abbiamo già preparato numerose ricette con il radicchio nei mesi passati (ne potete trovare alcune a questo link), oggi ci cimentiamo con una preparazione salata che farà faville sulle vostre tavole: delle brioches salate con radicchio, speck e scamorza.

Brioches salate con radicchio, speck e scamorza

Le ricette con la pasta sfoglia sono sempre molto golose: in questo caso poi andiamo ad aggiungere la coppia radicchio-speck, un grande classico, e del formaggio filante per un ripieno irresistibile!

Stagionalità

Nei mesi autunnali e invernali troviamo radicchi freschi e di stagione sui banchi del mercato: questo è il periodo migliore per preparare le nostre brioches salate con radicchio, speck e scamorza

Brioches salate con radicchio, speck e scamorza: ricetta

Ingredienti (per 4 persone)

1 rotolo di pasta sfoglia
300 g di radicchio rosso
80 g di speck in fette sottili
60 g di scamorza
olio extravergine di oliva qb
semi di sesamo per guarnire

Affettate sottilmente il radicchio e saltatelo in padella con un filo di olio extravergine di oliva fino a quando l’acqua di vegetazione non sarà evaporata (ci vorranno circa 7-8 minuti).

Srotolate la pasta sfoglia e dividete la circonferenza in 4 spicchi uguali. Tagliate leggermente il lato corto dei triangoli ottenuti (per arrotolarli meglio in seguito e ottenere delle brioches dalla forma migliore).

Disponete le fettine di speck sulla pasta sfoglia, aggiungete il radicchio e la scamorza tagliata a dadini.

Arrotolate i triangoli di pasta sfoglia partendo dal lato corto, cercando di non far uscire il ripieno, e piegate leggermente le estremità delle brioches così ottenute verso l’interno.

Spennellate con acqua, ricoprite con semi di sesamo e fate cuocere in forno a 180° per circa 30 minuti.


Condividi su:
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.