La paprika, dolce spezia rosso fuoco

Torniamo a parlare di spezie e, in modo particolare, della rossa e profumatissima paprika (o paprica).

La paprika è una spezia in polvere che viene ricavata da diverse varietà di peperoni e peperoncini, dolci o piccanti, i quali vengono prima liberati (totalmente o in parte) dei filamenti bianchi interni e dei semi, quindi essiccati e macinati.

Paprica-stagioni-nel-piatto

A seconda delle varietà di peperoni e peperoncini utilizzati, la paprica può essere dolce o forte: quest’ultima ha un gusto leggermente piccante dovuto alla presenza maggiore di capsaicina, la sostanza responsabile della piccantezza dei peperoncini. La piccantezza della paprica aumenta di intensità se oltre alla polpa dei peperoni e dei peperoncini, vengono macinati anche i filamenti interni e i semi: è proprio in queste parti infatti che è concentrata la maggior parte della capsaicina.

La prima volta che ho provato la paprika è stato quando ho deciso di preparare il goulash all’Ungherese, un saporito e profumatissimo spezzatino di carne, tipico di questa cucina.

La paprika ha un profumo inconfondibile, un gusto piacevolmente dolce e a volte piccante che si abbina perfettamente alle carni, alle uova e ai formaggi. Può essere anche utilizzata per insaporire verdure, zuppe, salse o patate.

L’origine della paprika non è del tutto chiara: il peperone, unico ingrediente alla base di questa spezia, è originario del sud America, ma la paprica ha molto probabilmente origini europee. Vista la grande adattabilità delle piante di peperone al clima mite, la paprika è oggi prodotta in molti paesi anche se la qualità migliore è probabilmente da ricercarsi in Ungheria e Spagna. Come per il curry, anche la paprika ha gusto e colore variabili, fortemente influenzato dalle varietà dei peperoni e dei peperoncini utilizzati e dalla presenza o meno di filamenti e semi all’interno della polvere.

Come tutte le spezie, va conservata in barattoli chiusi ermeticamente e al riparo dalla luce dirette per preservarne il più possibile il gusto e la qualità.

Io amo molto questa spezia e la uso in cucina non solo per preparare il goulash, ma anche per realizzare, tra le altre cose, gustose patate al forno o delicate polpette di tacchino.

image_printStampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.